L’e-commerce

Con il termine e-commerce viene indicata la compravendita di beni e servizi tramite internet.

Questo commercio elettronico può essere:

  • business to business (B2B): riguardante il commercio tra imprese;
  • business to consumer (B2C): è la forma di e-commerce che fornisce beni e servizi direttamente ai consumatori finali;
  • consumer to consumer (C2C): la forma di commercio elettronico con cui i consumatori scambiano beni tra loro, registrandosi in appositi siti d’asta;
  • intra-aziendale: è il tipo di commercio che coinvolge un’azienda con sedi distribuite sul territorio.

 L’utilizzo di questi siti permette di poter acquistare beni in qualsiasi momento della giornata senza doversi spostare da casa, risparmiando così, tempo e denaro. Inoltre il consumatore può confrontare una gamma di prodotti, che sono dettagliatamente descritti, e scegliere quello che ritiene più giusto alle sue esigenze. Invece il venditore che decide di intraprendere questa attività può risparmiare sulle spese legate alla stampa di volantini, cartelloni pubblicitari,cataloghi dei prodotti, perche la pubblicità è effettuata online, così come anche il catalogo, che può essere aggiornato e modificato quando si vuole. Ritengo però che questo commercio elettronico abbia anche degli aspetti negativi perche acquistando prodotti online non abbiamo la possibilità di toccarli, provarli se si tratta di vestiti, e spesso si può rimanere delusi da ciò che ci arriva a casa. Inoltre scompare ogni tipo di contatto tra consumatore e venditore, che nel commercio tradizionale contrattano e comunicano verbalmente. Infine secondo me si ha il rischio legato al pagamento soprattutto se si utilizzano carte di credito o bancomat.